logo Hi Fi Time

/ Articoli / Il coraggio di ascoltare e di scegliere con la propria testa

Il coraggio di ascoltare e di scegliere con la propria testa

Bruno Fazzini on 22 febbraio 2018 - 10:27 in Articoli, Blog

Rubrica: Gli Asini Volanti

 

 

Il coraggio di ascoltare e di scegliere con la propria testa. Sembra scontato, ma non è così.

 

Commento al post su “Amici, Audiofili: Hifi, Fine Tuning e MUSICA!!!”

https://www.facebook.com/groups/338130976387395/permalink/777069805826841/

Vogliamo iniziare Blue Moon Review con la risposta di Bruno ad un post inserito da un appassionato su FaceBook.

Il commento è lo spunto per parlare di come ancora oggi sia l’approccio alle scelte in HIFI.

Basta leggere sotto per capire il pensiero guida della nostra produzione.

A presto Max

 

GLI ASINI VOLANTI

Rubrica di opinione Audio di Bruno Fazzini

Di Bruno Fazzini – Caro Stefanone, complimenti. Finalmente ci sei arrivato! Ma i migliori complimenti non te li faccio per l’acquisto del finale Viola (che, come sai, ben conosco, insieme al suo Pre), ma te li faccio per il tuo coraggio di seguire le tue scelte senza farti influenzare, per fidarti delle tue orecchie e di nessun altro, per metterti in casa diffusori di moderna progettazione e non cassettoni impiallacciati con il solito buco (reflex) da qualche parte. 

Complimenti perchè sei lungimirante, perchè capisci che con i watt delle valvole, anche se tanti, non tiri fuori la dinamica reale di un reale evento sonoro. 

Complimenti perchè difendi un prodotto non commerciale, non blasonato come il pre che adotti. 

Complimenti perchè hai una notevole sensibilità all’ascolto e sei un raffinato.

Infine, complimenti perchè ci senti! Ce ne fossero di audiofili come te che non si fanno soggiogare dal suono ammaliante in gamma media, ma capisci che la riproduzione dell’evento reale è fatta di Dinamica e di Timbrica corretta, lontana dalla densità della gamma media.

 

 

 

 

Dalla scelta dei tuoi diffusori,

coraggiosa anche questa, dimostri di capire che nella riproduzione deve esserci aria, ossigeno, perchè la Musica reale è vitalità, é ariosità, é dettaglio fine, grana sottile, ma è anche corpo e precisione e fascino in media, oltre che impatto e controllo rigoroso da sospensione pneumatica in basso. Hai fatto una crescita graduale che ti ha portato ad ul livello molto, molto alto e, soprattutto, molto equilibrato. Eccellente l’accoppiata di uno stato solido “importante” con quei diffusori.

 

 

 

 

 

Ottimo il pre, se ti piace. Per arrivare veramente al top, secondo me, ti manca solo la bi amplificazione. Su questo lo sai come la penso: un finale che pilota i woofer (nel tuo caso sub woofer) e un altro che pilota il resto della gamma. I risultati portano l’ascolto molto vicino alla realtà dell’evento sonoro.

Nessun altro impianto che impiega la bi amplificazione regge il confronto con un finale stereo con alimentazione (eccellente) separata o con due finali mono (seppur straordinari).

Non ce ne è per nessun finale in commercio di qualunque categoria economica, e siccome sei un competente non ti devo dire io perchè.

Anche sulle sorgenti solo digitali sai come la penso (hai sentito quello che abbiamo pubblicamente esposto alle Lezioni d’Ascolto al parco della Musica).

E’ questo lo stimolo per un ulteriore atto di coraggio da qui ai prossimi 5 anni. Arrivare alla biamplificazione.

Verrò ad ascoltare da te; intanto ancora complimenti e un grande abbraccio.

 

Ascoltare sempre, per scegliere.

 

 

 

0 POST COMMENT

Send Us A Message Here