logo Hi Fi Time

/ News / Primo CONVEGNO sulla STORIA dell’HI.-FI.

Primo CONVEGNO sulla STORIA dell’HI.-FI.

Bruno Fazzini on 2 ottobre 2014 - 17:45 in News

 

museo mezzi cominicazione locandinaDal Museo dei Mezzi di Comunicazione del comune di Arezzo

Primo CONVEGNO sulla STORIA dell’HI.-FI… See more  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

logo Hi Fi Time

 

 

Museo dei Mezzi di Comunicazione del comune di Arezzo

Primo CONVEGNO sulla STORIA dell’HI.-FI.

 

Nei giorni del 3-4 e 5 Ottobre si terrà, ad Arezzo, il Primo CONVEGNO sulla STORIA dell’HI.-FI.
Per noi audiofili è un momento che merita attenzione, esulando dalle solite e piuttosto annoiate mostre del settore audio. Non possiamo certo rimanere indifferenti al tema di questo evento che è:
L’ALTA FEDELTA’ come ricerca della perfezione acustica, tema piuttosto importante e spesso trascurato nel nostro universo audiofilo in favore della rincorsa agli strumenti per la riproduzione acustica con orientamenti fini a se stessi.

 

 

museo mezzi cominicazione Microfono MARCONI Wireless Co. a granuli di carbone  - 1927

 

 

 

Questo convegno è davvero ad ampio respiro, poiché nelle sale del Palazzo Comunale di Arezzo, il Direttore del Museo, Fausto Casi, mostrerà alcuni apparati della RAI da poco restaurati e riceverà il Direttore del Museo della Radio – TV della R.A.I. – Radiotelevisione Italiana in rappresentanza dell’Ente RAI che ha fatto donazione al Museo del materiale analogico professionale (magnetofoni, giradischi, microfoni, mixer, cuffie ed altro), tutto relativo alla riproduzione del suono usato dagli anni 1970 fino al 2000/2010, quando sono stati sostituiti da apparecchi digitali.

Ci sarà anche la visita di un personaggio di fama nazionale quale è il Principe Guglielmo Giovannelli Marconi, nipote del grande inventore delle telecomunicazioni Guglielmo Marconi, che sarà ospite del Convegno nei giorni di venerdì 3 e sabato 4.
Il giorno 5 Ottobre sarà incentrato sulla Mostra-Scambio di apparecchi audio d’epoca e non solo, che si svolgerà nel Loggiato del Palazzo Comunale, dove gli appassionati possono esporre e acquistare materiale audio. In un contesto del genere sarà possibile trovare pezzi rari e ricercati.

 

 

museo mezzi cominicazione trombe acustiche per incisione su rulli EDISON - 1900
Tutto il materiale posto in mostra è in dotazione al Museo dei Mezzi di Comunicazione che ha progettato l’esposizione, il convegno e la mostra/scambio.
In una prima sala sono esposte le apparecchiature che hanno arricchito il museo, a seguito delle numerose donazioni, tra le più importanti quella della “R. A. I. di TORINO con alcuni autentici cimeli RAI che ricordano la storia dei 90 anni della RADIO in ITALIA, condotta dai vari Enti Nazionali che si sono succeduti.

 

In una seconda Sala è esposto materiale storico relativo alla registrazione, dalla fine dell’ottocento fino al 1960.

In una terza sala è rappresentata la storia del materiale sulla incisione del suono, dal fonografo di Thomas Alva Edison al grammofono di Emil Berliner. In questa sala vi è poi un angolo delle celebrazioni, con alcuni cimeli marconiani dedicato ai 140 anni dalla nascita di GUGLIELMO MARCONI (1874 – 1937).

 

Per noi audiofili è questo convegno è una occasione da non perdere, dal momento che conoscere il passato e la storia dell’Audio è certamente un modo per apprezzare meglio i moderni strumenti che oggi utilizziamo per la nostra riproduzione audio domestica.

Bruno Fazzini

 

 

museo mezzi cominicazione magnetofono STUDER  (svizzera - anno 1980) donazione RAI di TO.

 

 

 

 

Comunicato stampa

in occasione delle celebrazioni di:
1 – 140 anni dalla NASCITA di GUGLIELMO MARCONI
2 – 90 ANNI di RADIO in ITALIA : URI – EIAR – RAI
Primo CONVEGNO sulla STORIA dell’HI.-FI.:
la manifestazione, aperto al pubblico gratuitamente, viene promossa dal Museo dei Mezzi di Comunicazione del Comune di Arezzo e si sviluppa in tre momenti :

a – INAUGURAZIONE DELLA MOSTRA: Il venerdì 3 OTTOBRE 2014 – Alle ORE 17,00 :
“L’ALTA FEDELTA’ come ricerca della perfezione acustica.”
sarà guidata da Fausto Casi – Direttore del Museo – nei tre saloni allestiti del Palazzo Comunale.
segue -“ aperitivo in musica”: si beve un drink ascoltando musica dagli apparati restaurati, dono della RAI.
Al termine dell’inaugurazione, verso le 19,30 – 20,00, il Direttore del Museo sarà lieto di offrire (per gli invitati) una APERI-CENA all’interno del Museo dei Mezzi di Comunicazione.

b – CONVEGNO NAZIONALE – il sabato 4 OTTOBRE, presso AUDITORIUM-ore 10,00-sulla STORIA dell’HI–FI: partecipano personaggi di fama nazionale e, tra questi il Principe GUGLIELMO GIOVANELLI MARCONI – nipote del grande inventore delle TELECOMUNICAZIONI – Guglielmo Marconi, che sarà ospite, assieme alla Consorte, dall’arrivo del venerdì 3 al sabato 4 ottobre, dedicando il pomeriggio ad una visita alla Fiera Antiquaria guidata dal Direttore del Museo dei Mezzi di Comunicazione ed autorità del Comune di Arezzo.
Del gruppo di personalità faranno parte anche il Dott. Claudio Girivetto – Direttore del Museo della Radio – TV della R.A.I. – Radiotelevisione Italiana con sede a Torino, in rappresentanza dell’Ente RAI che ha fatto DONAZIONE al Museo del materiale ANALOGICO professionale – magnetofoni, giradischi, microfoni, mixer, cuffie ed altro, tutto relativo alla riproduzione del suono, usato dagli anni 1970 fino al 2000 – 2010, quando sono stati sostituiti da apparecchi DIGITALI.
Alle ore 13,00 – pranzo conviviale con i relatori e gli ospiti, in un ristorante nel bel mezzo della FIERA ANTIQUARIA, con successivo previsto accompagnamento del gruppo tra gli espositori .

c – MOSTRA – SCAMBIO – 5 OTTOBRE – presso LOGGIATO del Palazzo Comunale – dalle ore 07,00 alle 14,00 – MERCATINO dei materiali sul tema dell’ALTA FEDELTA’ per appassionati ed amatori dell’HI-FI che vogliano cambiare, vendere e acquistare pezzi e componenti dei complessi apparati usati nel campo della riproduzione del suono e della musica.

 

 

museo mezzi cominicazione piastra RAI -RADIOTELEVISIONE ITALIANA CON UCCELLINO E MICROFONO - ANNI 1950

 

 

 

VI° MOSTRA DEL 2014COLLATERALE alla FIERA ANTIQUARIA di AREZZO,
Esposizione – Palazzo Comunale – dal 4 ottobre al 9 novembre 2014,
Dal Museo dei Mezzi di Comunicazione
Di FAUSTO CASI

 

 

Tutto il materiale descritto e posto in mostra è in dotazione al Museo dei Mezzi di Comunicazione che ha progettato l’esposizione, il convegno e la mostra/scambio e che ha posto a disposizione del grande pubblico anche i pezzi più pregiati delle collezioni onde comunicare l’evoluzione della qualità e il massimo livello, anche internazionale, raggiunto.
Questa proposta è stata resa possibile grazie anche alle apparecchiature che hanno arricchito il nostro museo, a seguito delle numerose donazioni, tra le più importanti quella della “R. A. I. di TORINO
Importanti donazioni e prestiti provengono anche da parte di soci A.I.R.E. – Associazione Italiana per la Radio d’Epoca.
La mostra si sviluppa nei 3 locali del Centro Accoglienza “benvenuti ad Arezzo” nel palazzo comunale ed è aperta dal 4 ottobre al 9 novembre 2014:
La PRIMA SALA vede esposte alcune delle apparecchiature magnetofoniche più complesse che coprono la parte professionale della REGISTRAZIONE MAGNETICA, ultima generazione delle applicazioni ANALOGICHE, atta a riproporre l’ascolto in sala, di musica allo stesso livello con il quale le sedi RAI potevano trasmettere dai propri studi di registrazione e produzione, dagli anni 1970 in poi.
Un angolo della sala è riservato ad alcuni cimeli autentici RAI che ricordano la storia dei 90 anni della RADIO in ITALIA, condotta dai vari Enti Nazionali che si sono succeduti:
1 – l’URI – UNIONE RADIOFONICA ITALIANA (1924 – 1927),
2 – l’EIAR – ENTE ITALIANO AUDIZIONI RADIOFONICHE (1927 – 1945),
3 – e infine la R. A. I. – RADIO AUDIZIONI ITALIANA (1945 – 1954),
4 – che si trasforma definitivamente in R.A.I. – RADIOTELEVISIONE ITALIANA (1954 – ad oggi).
La SECONDA SALA vede esposto materiale storico relativo alla REGISTRAZIONE. Il visitatore è portato a percorrere i vari momenti di applicazione delle invenzioni che, dalla fine dell’800, hanno permesso di arrivare a riprodurre suoni di qualsiasi genere, senza nessuna distorsione percepibile.
L’evoluzione dell’elettronica ha portato alla registrazione magnetica A FILO: questi magnetofoni, negli anni 1930 – ’40, avevano circuiti elettronici con amplificatori che consentivano di eccitare una testina che, in prossimità del materiale sensibile riusciva a depositare il messaggio.
Da questi al NASTRO MAGNETICO, il passo è stato breve. Negli anni 1940 nasce il brevetto in Germania (durante il periodo bellico): un apparecchio con un nastro magnetico registrabile che, nella qualità di registrazione, supera la riproduzione con il filo di acciaio.
E’ su questi magnetofoni che si sviluppano le più moderne invenzioni e l’industria, dagli anni 1960, si divide in due settori per la qualità, amatoriale e professionale che si possono vedere in mostra.

 

 

museo mezzi cominicazione depliant 1

 

Nella TERZA SALA continua la storia del materiale sulla INCISIONE del SUONO .
Tutto ebbe inizio con il primo brevetto in assoluto: il FONOGRAFO di Thomas Alva EDISON. Nel 1878 l’inventore brevettò questa “macchina parlante” sfruttando l’incisione della voce, prima in un rullo di alluminio, e poi di cera, mediante la creazione di un solco modulato in funzione della vibrazione di una puntina di incisione a sua volta messa in movimento da una membrana a cui è incollata.
La mostra prosegue nella sala in un percorso evolutivo del sistema di riproduzione passando dal fonografo di Edison al grammofono di Emil Berliner (brevettò il disco nella fine del 1800), quindi al giradischi con testina elettromeccanica utilizzando l’amplificatore elettronico, fino al noto JUKE- BOX a dischi multipli.
In questa sala abbiamo un angolo delle celebrazioni, con alcuni cimeli marconiani dell’epoca, dedicato ai 140 anni dalla nascita di GUGLIELMO MARCONI (1874 – 1937), il grande inventore della RADIO che, nel 1895, fece il suo primo esperimento, nella villa di Pontecchio (presso Sasso Marconi – Bologna), di trasmissione del segnale di RADIOTELEGRAFIA costituendo, con il suo sviluppo, le fondamenta delle moderne TELECOMUNICAZIONI ELETTRONICHE.

 

 

museo mezzi cominicazione depliant 2

 

 

Per informazioni

Fausto Casi
Direttore del Museo dei Mezzi di Comunicazione del Comune di Arezzo
www.museocomunicazione.it
Tel. 0575 377662

0 POST COMMENT

Send Us A Message Here